“Voglio cambiare lavoro”: probabilmente è questa la frase che ti ripeti da un periodo a questa parte.

Quando cambiare lavoro? Scopriamo insieme se è arrivato il momento di agire.

Se alcune persone sentono da sempre la chiamata per una missione nella vita, per tutte le altre, invece, trovare un lavoro soddisfacente è un processo lungo e spesso fatto di tentativi, con alti e bassi.

Qualcuno rimane bloccato in un lavoro per fattori economici. Altri, invece, restano bloccati per compiacere la famiglia, perché il lavoro è vicino casa o perché consente tempo libero; oppure perché crede di non poter ottenere qualcosa di migliore o più soddisfacente. In alcuni casi, infine, finisce col prevalere la visione pessimistica del “bicchiere mezzo vuoto”.  

A mio avviso è indispensabile fermarsi regolarmente a riflettere su come stiamo nel nostro lavoro.

 

Il tuo lavoro è allineato con i tuoi obiettivi a lungo termine? Ti permette di essere realmente chi vuoi essere? E tutto questo contribuisce, in modo positivo, alla tua vita e alla tua felicità? 

Ecco alcuni segnali per capire quando cambiare lavoro: 

1. Parli malvolentieri del tuo lavoro.

Immagina di essere ad una festa e qualcuno ti chiede cosa fai per vivere. Come ti sentiresti? Racconteresti con entusiasmo di cosa ti occupi o proveresti imbarazzo?  

Come parli del tuo lavoro? Che termini usi?

 

2. Lo fai solo per denaro e non ti basta più.

Stai sacrificando la tua felicità per il denaro? Ti senti vuoto e annoiato e aspetti con ansia il week end? Naturalmente, tutti abbiamo bisogno di guadagnare per vivere, ma ciò non significa rinunciare ad essere felici ed appagati. 

Guardati attorno: in quale altro modo puoi dare il tuo contributo al mondo e scegliere qualcosa che finalmente ti faccia sentire realizzato? 

 

3. Anche i piccoli contrattempi diventano enormemente stressanti.

L’esaurimento fisico, emotivo o mentale può manifestarsi in diversi modi. Un importante segnale di burnout, a causa del lavoro, è proprio l’incapacità di gestire anche i piccoli contrattempi.

 

4. Hai perso la passione.

In qualunque lavoro o professione esistono momenti di piatta routine e di noia; ma quanti sono rispetto a quelli in cui ti senti centrato e piacevolmente immerso in quello che fai?

Il tuo lavoro ti sta togliendo le energie invece di entusiasmarti?

Che fine ha fatto la passione che avevi quando hai iniziato questo lavoro?

Per dare una svolta alla tua vita lavorativa, chiediti dove metteresti oggi la tua passione e la tua energia, così da poterti sentire pienamente appagato in quello che fai, tanto da non accorgerti del tempo che passa.

 

5. Non stai crescendo.

Ogni lavoro dovrebbe migliorare le tue capacità e competenze e dovrebbe consentire una crescita professionale e personale. Se non stai imparando qualcosa di nuovo e stai facendo la stessa cosa ogni giorno, se sei adagiato in una piatta zona di comfort, allora è arrivato il momento di guardare altrove. 

6. Problemi di salute

Il corpo non mente mai e lo stato di salute è il primo indicatore se c’è qualcosa che non funziona nella tua vita. Ascoltati e interpreta i segnali:

  • Sei attanagliato dall’ansia?
  • Sei costantemente esausto e fai fatica ad alzarti la mattina, per poi crollare la sera?
  • Ti ammali facilmente?
  • Hai difficoltà a concentrarti?

Tutti questi potrebbero essere segnali di stress. Se c’è qualcosa che non va, il corpo comincerà a mostrartelo molto prima che tu te ne accorga razionalmente. Per cui…tieni d’occhio i segnali.

7. Sogni qualcosa di diverso.

Ti sorprendi sempre più spesso a sognare ad occhi aperti su un progetto diverso, immaginando come sarebbe la tua vita quando finalmente lo avrai realizzato. Se è così, allora è tempo di capire se è un desiderio passeggero o se è qualcosa di più grande. Nel caso in cui non si tratti di un momento passeggero, comincia a pensare alla fattibilità del tuo nuovo progetto.

Se non sei soddisfatto del tuo lavoro adesso è proprio arrivato il momento di cambiare qualcosa. Certo, può essere difficile, ma sicuramente non impossibile! Ricordati: la felicità è dietro l’angolo! Basta solo decidere e agire…

Articolo correlato: Creare un lavoro da zero: 3 punti su cui fare chiarezza

Ah, devo chiederti un favore!

Ogni volta che mi impegno nella stesura di questi articoli lo faccio per tutti i lettori come te che sono interessati a ricevere utili consigli.

Ma avere un blog e mantenerlo porta via tanto tempo, per questo la più grande soddisfazione per me è ricevere condivisioni e commenti di critica positiva (e negativa)!

Per questo ti chiedo se puoi condividere l’articolo  o commentare l’articolo con la tua opinione al riguardo. Se hai domande, non esitare a farle!

Luis

 

Articolo correlato: Creare un lavoro da zero: 3 punti su cui fare chiarezza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Leggi anche

Come amarsi: 4 consigli per iniziare ad amare se stessi

Come imparare ad amare se stessi: la guida di MyOhana.it per imparare ad amarsi Come amars…