Come riprogrammare il subconscio: cambia i tuoi paradigmi cambia la tua vita

Come comunicare con l’inconscio per raggiungere i tuoi obiettivi in 3 semplici passi: In questo articolo ti parlerò  di cosa sono i paradigmi e ti consiglierò 3 metodi per cambiarli.

Cosa sono i paradigmi?

Se ancora non lo sai, i paradigmi non sono altro che le nostre credenze. In poche parole i paradigmi sono una moltitudine di idee, di convinzioni, di abitudini, che abbiamo installate dentro di noi.

In poche parole, è come se dentro ad ogni persona ci fosse un bel disco in vinile, che continua a produrre sempre la stessa musica. Continuiamo…

Come guidare tua mente inconscia in 3 semplici passi

  1. Come nasce un paradigma

Ripetiamo che i paradigmi non sono altro che una serie di convinzioni che la nostra famiglia, la scuola, gli amici, la società,  ci hanno trasmesso. Tutto queste convinzioni sono registrate nel nostro subconscio, le convinzioni ci portano ad agire in un determinato modo e queste azioni producono sempre lo stesso risultato. Proprio come quel disco… suoni la stessa musica, anche se desideri cambiare.

Quindi se vuoi cambiare la tua realtà, se vuoi ascoltare una nuova musica, devi cambiare le tue credenze/paradigmi/abitudini.

Ora sicuramente mi chiederai “Eh si, ma come si fa in maniera pratica?” Continua a leggere attentamente…

Devi sapere che ognuno di noi ha il potere di costruire il mondo che vuole. So che in molti fanno fatica a crederci e anche io non ci credevo fino a qualche anno fa. Ma per “fortuna” poi qualcosa è cambiato.

Continuiamo…

Tutta l’umanità vive in un’immensa bolla, ma dentro questa bolla ci sono tante bollicine. Una di queste sei tu. Quindi ognuno di noi ha una bollicina tutta per sé, un mondo tutto suo.

Se vuoi che questo mondo sia come piace a te, devi costruirtelo oppure puoi tenerti quello che ti hanno assegnato.

Per costruirtelo devi individuare e distruggere le tue credenze limitanti e allo stesso tempo caricare nel tuo sistema di programmazione delle credenze potenzianti. Come prendere un disco vergine e registrarci sopra le canzoni che vogliamo. Cambia musica… cambia vita!

come comunicare con l'inconscio per raggiungere i tuoi obiettivi

2. Riprogramma la tua mente inconscia creando una Vision board e visualizzando

Per cambiare la nostra vita naturalmente dobbiamo sapere esattamente cosa vogliamo, sei d’accordo? Quindi per prima cosa gioca a immaginare la tua vita e poi costruisci la tua Vision board.

La Vision Board è una sorta di lavagnetta in sughero (o in legno o di altro materiale) su cui ci si appiccicano tutte le foto che rappresentano ciò che noi vorremmo realizzare…

Scegli le immagini che rappresentano la vita che vorresti, ritagliale dai giornali o stampale da internet se preferisci, mettici anche delle affermazioni potenzianti. 

Posiziona la Vision board in modo che tu possa vederla ogni mattina quando ti svegli. Guarda le immagini che hai selezionato  e fai come se fosse già tutto lì per te, come se quella vita ti appartenesse già. Utilizza sempre il presente nelle tue affermazioni.

Visualizza la tua vita, cosa stai facendo nella tua nuova vita? Cosa ti puoi permettere in questa nuova vita?  Fai in modo di sentire le emozioni mentre visualizzi! Come ti senti nella tua nuova vita?

Tutto questo naturalmente dovrà essere accompagnato a delle azioni, che giorno dopo giorno ti porteranno verso la vita dei tuoi sogni. Nulla cambia se non agisci !!!

Modificare quello che sta dentro il nostro subconscio, serve a far vibrare il nostro corpo in modo diverso, per spingerlo a creare delle azioni diverse e ottenere di conseguenza  i risultati che desideriamo. Questi risultati possono essere positivi o negativi, per questo devi fare molta attenzione ai tuoi pensieri.

I pensieri vibrano lo sapevi? Se non mi credi prova questo esercizio:

  • Mettiti in piedi ed unisci le gambe.
  • Chiudi gli occhi e fai 3 respiri profondi e rilassati.
  • Ora ripeti mentalmente “io mi chiamo———- tuo nome”  Cosa senti nel tuo corpo?
  • Ora ripeti sempre mentalmente “io mi chiamo…. metti un nome a caso” Ora che succede? la risposta del tuo corpo è stata diversa o sempre la stessa?

Secondo gli scienziati, abbiamo circa 60.000 pensieri al giorno, che tradotto significa che facciamo un pensiero ogni secondo durante l’arco di tutta la giornata.

Immagina adesso cosa potrebbe accadere se tutti i tuoi pensieri fossero allineati, costanti e potenzianti. Bellissimo vero?

3. Riprogramma la tua mente con gli audio subliminali

Un altro modo per riprogrammare la tua mente subconscia e ascoltare ripetutamente degli audio subliminali. Gli audio subliminali non sono altro che una serie di frasi potenzianti che si ripetono e che andranno a sostituire quello che è il tuo dialogo interno depotenziante.

La ripetizione di queste frasi ti aiuterà a creare la tua nuova realtà nel momento in cui il subconscio inizierà a crederci. Puoi creare tu stesso degli audio subliminali, dove ti registri dicendo le frasi che ti aiuteranno a modificare il tuo paradigma.

  1. Se vuoi guadagnare più soldi puoi dire: ” Farò 10.000 euro al mese entro il (anno)  facendo ( ….)
  2. Se desideri dimagrire: “Avrò un fisico perfetto entro (data/anno) mangiando (cosa) allenandomi ( quante volte, come)”

Questi audio dovrai ascoltarli il più possibile, ti consiglio di cambiare un paradigma per volta.


Freud ha paragonato la mente ad un iceberg, nel quale la parte che emerge dall’acqua è la mente conscia, mentre la parte sommersa, che è molto più grande ed è nascosta, rappresenta l’inconscio, come illustrato nella figura sottostante.

Come guidare tua mente inconscia in 3 semplici passi

 

Questo non significa che ti basterà ascoltare o pronunciare le affermazioni per cambiare la tua vita… dovrai metterti in cammino nella strada dei tuoi sogni per iniziare a notare qualcosa, devi AGIRE !!

Riprendi in mano le redini della tua mente inconscia; la metafora del carro.

come comunicare con l'inconscio per raggiungere i tuoi obiettivi

Bernardino Del Boca (1919-2001), antropologo e scrittore, ha fatto un paragone molto interessante per rappresentare il collegamento tra l’uomo, la sua mente e le forze in gioco.

L’uomo è rappresentato da una carrozza trainata da cavalli nella quale la singola carrozza rappresenta il corpo, il passeggero rappresenta l’Io, il cocchiere la mente e i cavalli le emozioni.

Possiamo così dire che il passeggero rappresenta la coscienza, il cocchiere rappresenta la volontà e i cavalli la mente inconscia.

Il passeggero è colui che decide la destinazione, sceglie il tragitto, pianifica le tappe e infine si gode il viaggio!

Tu sei il passeggero (coscienza): quindi per poter raggiungere una certa meta, devi innanzitutto sapere esattamente dove vuoi andare (obbiettivo) e come vuoi affrontare il viaggio (pianificazione).

Devi inoltre stare sveglio per controllare che tutto proceda nella direzione giusta (consapevolezza e osservazione di sé).

Tu sei il cocchiere (volontà ): hai anche il difficile compito di gestire la forza dell’inconscio per indirizzare te stesso nella direzione voluta.

In quanto cocchiere, devi essere in grado di gestire i cavalli e farli procedere nella direzione corretta (capacità di allineare i desideri della coscienza con la forza della mente inconscia) e devi impegnarti (forza di volontà) affinchè i cavalli facciano il proprio lavoro.

Se il cocchiere è pigro o si distrae i cavalli vanno dove vogliono, potrebbero fermarsi a mangiare l’erbetta sul ciglio della strada, potrebbero rallentare oppure potrebbero andare nella direzione sbagliata.

Quindi devi essere sempre vigile sui cavalli e consapevole della direzione in cui stanno viaggiando per poter andare sempre dalla parte giusta.

La volontà non decide la direzione, ma sa qual’è e si impegna a raggiungerla.

Tu sei i cavalli (mente inconscia): I cavalli sono la vera forza che traina la carrozza, sono simbolo di potenza, eleganza. Ma solo se utilizzati nel modo giusto ti portano dove vuoi andare, altrimenti sarai in balia delle loro pulsioni e delle loro paure (pulsioni e paure inconsce).

Quindi per riuscire ad andare nella direzione che vuoi per te stesso devi capire come funzionano le relazioni tra le varie parti del tuo essere e nello stesso tempo riconoscere che esse costituiscono un insieme indivisibile.

Troppo spesso le persone si identificano con la propria mente o con il proprio corpo. Tu non sei nè la mente nè il corpo. Tu sei il tutto. Devi percorrere la tua strada. E hai la facoltà di sceglierla.

Quando senti che non sei tu a guidare il carro, quando una forza misteriosa ti trattiene dal non fare ciò che vorresti o ti spinge a fare ciò che non dovresti, ti senti sovrastato da questa energia invisibile e ti abbandoni al potere della tua mente inconscia, dei vizi e delle cattive abitudini.

Una mente, lasciata in balia di se stessa, si adatta naturalmente all’ambiente in cui è inserita e non si evolve, non persegue un obbiettivo, ma è trainata dalle circostanze.

Proprio come un carro lasciato senza cocchiere.

Se l’adattamento che hai avuto finora non ti soddisfa appieno devi riprendere in mano le redini della tua mente, per dare le dritte nella direzione in cui vuoi andare e vedrai che la mente risponderà proprio come i cavalli che trainano un carro.

 

Termino qui questa guida, spero di averti aiutato a comprendere meglio. Sicuramente in futuro argomenterò più approfonditamente ogni singolo aspetto, nel frattempo puoi iscriverti alla Newsletter per ricevere contenuti sempre nuovi su come guadagnare, risparmiare e investire.

Ah, devo chiederti un favore!

Ogni volta che mi impegno nella stesura di questi articoli lo faccio per tutti i lettori come te che sono interessati a ricevere utili consigli.

Ma avere un blog e mantenerlo porta via tanto tempo, per questo la più grande soddisfazione per me è ricevere condivisioni e commenti di critica positiva (e negativa)!

Per questo ti chiedo se puoi condividere l’articolo  o commentare l’articolo con la tua opinione al riguardo. Se hai domande, non esitare a farle!

Lu ☮ ✌

Scarica qui il PDF gratuito "i 3 segreti per vivere una vita libera finanziariamente"

Implementa i tuoi guadagni, risparmia e investi nel migliore dei modi ⬇ Unisciti alla nostra Big community di educazione finanziaria ⬇

I will never give away, trade or sell your email address. You can unsubscribe at any time.

2 Commenti

  1. Michaela

    Maggio 12, 2019 at 11:34 am

    Buongiorno carissima, ti scrivo per farti i miei complimenti per il blog e, per l’impegno che ci metti a spiegare le cose di difficile comprensione, con una bella dose di frizzantezza. Ci tengo a farti gli auguri anche per il futuro. Quando scrivi …” Ma per fortuna poi qualcosa è cambiato.” In pratica e senza intenzione la frase dà l’impressione che ci vuole la fortuna, credo che ti sei data da fare come non mai prefisandoti un obiettivo lavorando sodo… altre persone per paura o esitazione non ci provano nemmeno. La fortuna in questo caso era meritata e più che guadagnata. La fortuna sorride a chi si tira su le maniche. ….
    Bellissimo esempio anche quando parli della vibrazioni. Sono certa che ampliare il discorso riusciresti alla grande. Leggendo la PNL mi sono divertita moltissimo con questa tecnica di : corpo non sa mentire… provando dire colori sbagliati da quelli che indosavo. Il fatto che tutto intorno a noi vibra a una certa frequenza è descritto molto bene nella metafisica oltre la quantistica. In ogni caso sono d’accordo con te che a volte bisogna andare al fondo a ciò che uno crede , scoprendo che puoi veramente realizzare tutto ciò che vuoi, ma devi crederci! “Non mollare anche se tutti intorno dicono contrario”. Ed è questo la modesta e umile soddisfazione personale che uno prova nel momento in cui si rende conto che nello specchio al mattino nel tuo volto qualcosa è cambiato e, quel qualcosa assomiglia alla perfezione allo sguardo di rispetto che porti nei propri confronti e, in quel istante tu sei consapevole che non hai bisogno di vantarti perché quel rispetto lo senti in profondità e te lo meriti. La forza d’animo che possediamo è incredibile. Ancora una volta auguri di cuore e grazie per la condivisione di te. Buona giornata.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Leggi anche

La monotonia del posto fisso: la lettera di Charles Bukowski a John Martin

«Avevo solo due alternative – restare all’ufficio postale e impazzire… o andarmene per gio…